BRI 02097 - Bologna, Via Ugo Bassi: il Mercato delle Erbe

Immagine opera
N. inv.BRI 02097
Titolo proprioBologna, Via Ugo Bassi: il Mercato delle Erbe
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Antonio Brighetti
Serie
Oggetto Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto cartolina postale
Soggetto Bologna, Via Ugo Bassi: il Mercato delle Erbe
Autore
Stampatore/Editore Pini C.A., Bologna
Cronologia
Luogo della ripresa
Data della ripresa
Materia e Tecnica
Misure (in cm; hxb) 9x14
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore b/n
Luogo e anno di edizione Bologna, dopo il 1910
Timbro di spedizione (luogo e data)
Iscrizioni Sul recto, in alto a sinistra, è scritto: "Bologna / Nuovo / Mercato". Il nome dell'editore si legge sul verso, in basso a sinistra, seguito dal n. 63692.
Iconografia
Bibliografia
Mostre
NotaNel marzo 1910 venne inaugurato il nuovo Mercato coperto di via Ugo Bassi. I tradizionali spazi occupati dai banchetti di frutta e verdura situati tra piazza Malpighi e piazza San Francesco dovevano essere lasciati liberi e il Comune individuò lo spazio dove sorgeva la caserma costruita sui resti dell'antica chiesa dei Santi Gervasio e Protasio, edificata nel 401 da San Felice. Il nuovo edificio fu progettato da Filippo Buriani e Arturo Carpi. L'interno è a croce greca con due corpi aggiunti e ospita n. 32 botteghe e n. 100 punti vendita. Gli ingressi porticati erano due: il principale (non più visibile) si affacciava sulla piazzetta di San Gervasio ed era sormontato da una grande finestra a lunetta; quello diametralmente opposto, è tuttora aperto su via Belvedere. Sulla facciata documentata dalla cartolina si trovavano gli stemmi del Comune; ai lati dell'ingresso vennero collocate due vasche che ospitavano due gruppi ornamentali di Silverio Montaguti. Davanti all'ingresso principale fu poi collocata la statua in bronzo del padre barnabita Ugo Bassi, martire del Risorgimento. Il monumento, posto su un alto basamento, fu qui trasferito dalla primitiva collocazione davanti all'Arena del Sole. La statua è opera dello scultore bolognese Carlo Parmeggiani e fu realizzata nel 1888. I bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale danneggiarono buona parte di via Ugo Bassi e l'entrata del Mercato fu inglobata in moderni edifici commerciali di nuova costruzione. Il rinnovato Mercato delle Erbe venne inaugurato nel 1949.