FF 46-27012 - Bologna - Cooperativa Terraioli - Scavo armato

Immagine opera
N. inv.FF 46-27012
Titolo proprioBologna - Cooperativa Terraioli - Scavo armato
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Fototecnica
Serie Varignana 1997
Oggetto Negativo
Forma Specifica dell'Oggetto
Soggetto Bologna - Cooperative edilizie - Cooperativa operai terraioli ed affini - Lavori stradali
Autore Fototecnica Bolognese (1962-1991)
Stampatore/Editore
Cronologia 1962 post
Luogo della ripresa
Data della ripresa
Materia e Tecnica gelatina bromuro d'argento/ vetro
Misure (in cm; hxb) 24x18
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore B/N
Luogo e anno di edizione
Timbro di spedizione (luogo e data)
Iscrizioni
Iconografia
BibliografiaPezzella Letizia, Fototecnica Artigiana e Fototecnica Bolognese. Industria, artigianato e commercio nel fondo fotografico del Museo del Patrimonio industriale, in "Scuola officina", n. 2, luglio-dicembre 2007, pp. 4-7; Varignana Franca (a cura di), Coscienza urbana e urbanistica tra due millenni. Bologna dall'autarchia al boom, catalogo della mostra, Bologna, 1997; Bologna come la ricordiamo. Dal dopoguerra agli anni Settanta, le fotografie di una Bologna ancora nella nostra memoria. Con Cento ricordi di Ugo Berti Arnoaldi, Bologna, 2006; Frisoni Cinzia (a cura di), Bologna s'industria. La rinascita economica dal secondo dopoguerra agli anni '80 nelle immagini dell'archivio Fototecnica, Santarcangelo di Romagna, 2019.
Mostre
NotaL'immagine appartiene ad un gruppo di lastre selezionate a metà degli anni '90 per la realizzazione di un progetto relativo all'immagine di Bologna dal dopoguerra al boom economico. La selezione fu effettuata da Franca Varignana, allora responsabile delle Collezioni della Fondazione Cassa di Risparmio, ed ebbe un esito pubblico nella mostra "Bologna dall'autarchia al boom" che si svolse in San Giorgio in Poggiale dall' 8 febbraio al 31 marzo 1997. Successivamente molte riprese furono raccolte nel volume fotografico "Bologna come la ricordiamo" e pubblicate nel 2006. La Cooperativa operai, terraioli ed affini, già attiva dal 1908, nasce come società cooperativa a responsabilità limitata nell'agosto 1945. Il dopoguerra richiede un grande sforzo di ricostruzione e miglioramento dell'assetto urbano. Saranno numerosi i lavori di scavo, posa di tubature e cavi, per garantire su tutto il territorio infrastrutture e servizi fondamentali per la comunità.