BRI / BO PROVINCIA 783 - Crespellano (BO), vedute

Immagine opera
N. inv.BRI / BO PROVINCIA 783
Titolo proprioCrespellano (BO), vedute
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Antonio Brighetti
Serie
Oggetto Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto cartolina postale
Soggetto Crespellano (BO), vedute
Autore
Stampatore/Editore Fototipia Fratelli Fornaciari, Bologna
Cronologia
Luogo della ripresa Crespellano (BO)
Data della ripresa Anni Cinquanta sec. XX° (?)
Materia e Tecnica
Misure (in cm; hxb) 10,3x14,7
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore b/n
Luogo e anno di edizione
Timbro di spedizione (luogo e data)
Iscrizioni
Iconografia
Bibliografia
Mostre
NotaCrespellano e il suo territorio hanno origini molto antiche. Nel IX° secolo fu donato dal feudatario di Carlo Magno, Orso Guerriero, all'abbazia di Nonantola. Questo consentì a Crespellano di entrare a far parte del grande progetto di bonifica portato avanti dall'Abbazia benedettina: l'intervento permise di trasformare vaste aree originariamente paludose in fruttiferi campi coltivati. Grazie all'ascesa della produzione agricola, registrata a séguito dell'intervento di bonifica, il territorio di Crespellano divenne uno dei più ambiti della zona, tanto da essere motivo di contesa tra le città emiliane più potenti dell'epoca. Divenne infine parte dell'immenso feudo di Matilde di Canossa, per poi passare alla sua morte sotto l'egida di Bologna e di seguirne le sorti. Territorio di frontiera tra Modena e Bologna, fu coinvolto fino ai primi anni del XVI secolo nei numerosi scontri che nel Medioevo contrapposero le due città, subendo un grave impoverimento. Come gli altri territori bolognesi, fu soggetto allo Stato della Chiesa fino all'arrivo delle truppe di Napoleone Bonaparte, che, abbatté istituzioni vecchie di secoli e introdusse il concetto di comune come lo intendiamo oggi. Da qui in poi, Crespellano seguì le vicende del territorio circostante, dal Risorgimento alla Resistenza. Il territorio di Crespellano è ricco di sontuose dimore storiche, residenze di campagna di importanti famiglie del patriziato bolognese che, dal Seicento, caratterizzano la campagna attorno al paese.