M32212 - Il Genio incorona d'alloro le tre Arti

Immagine opera

Notizie storico artistiche

Autore De Maria Giacomo (Bologna, 1762 - 1838)
Tecnica e supporto Stucco
Datazione 1789
Misure (in cm) h x b 58x78
Iscrizioni
Notizie storico-critiche Il bassorilievo in stucco è da mettersi in relazione, come sottolineato da Martorelli (2009) e Mampieri (2020), con quello in marmo della Pinacoteca di Bologna in deposito presso l'accademia di Belle Arti, e quello in terracotta della collezione Bevilacqua Ariosti, col quale De Maria si presentò al Premio Curlandese di scultura del 1789 vincendolo. Qualche tempo dopo, il 16 marzo 1789, De Maria è accolto come nuovo membro dell'Accademia Clementina di cui divenne Maestro di Scultura il 31 maggio dello stesso anno.
Iconografia Al centro il genio sta incoronando con l'alloro la Scultura, raffigurata con il mazzuolo nella mano destra e con la sinistra appoggiata su un busto antico. A destra sta l'Architettura, in posizione più defilata, designata da una squadra. A sinistra infine la Pittura, con già l'alloro in testa, nell'atto di dipingere. Con l'altra mano il Genio tiene la terza corona d'alloro e una cornucopia che versa a terra monete e medaglie
BibliografiaE. Riccomini, Giacomo De Maria - Dodici "pensieri" fatti con le mani, Bologna 2010;A. Mampieri, in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 156-157; A. Mampieri, Giacomo de Maria (1760-1838), vol. II, Patron Bologna,2020, pp.122-123.
MostreBologna si rivela 2011 (Bologna, 2011); Antico e Moderno (Bologna, 2014)
Nota