F34716 - Fonte attorno al Nettuno-Piante con suoi alzati, profili, e notizie delle origini dell'acque

Immagine opera

Notizie storico artistiche

Incisore Bonavera Domenico (Bologna 1640 - 1695 ca.)
Inventore Chiarini Marcantonio (Bologna 1652-1730)
Luogo e anno di edizione Bologna, 1763
Tecnica e supporto Acquaforte
Misure foglio (in mm) 495 x 382
Misure battuta (in mm)
Misure immagine (in mm)
Iscrizione incisa Sotto al margine: Piccole Fonti situate ne' quattro angoli della Ferrata che circonda quella della Piazza per comodo del Popolo In basso a sinistra: Marc. Ant. Chiarini del. a destra: D. Bonauera inc.
Notizie storico-critiche L'esemplare fa parte di un volume composto da una miscellanea di 131 incisioni rilegate assieme, verosimilmente nel XIX secolo. Le stampe in esso contenute rappresentano mappe, palazzi, chiese, opere scultoree e porte di Bologna e sono datate tra il XVI e il XVIII secolo e realizzate da artisti più o meno noti. Il volume venne acquistato da Alfredo Baruffi nel gennaio del 1939 presso l’antiquario Ernesto Martelli (già direttore della cessata libreria antiquaria Zanichelli in via Santo Stefano 43). Marc'Antonio Chiarini fu artista eclettico: quadraturista, scenografo, architetto, scrittore d’arte e poeta. Allievo di Francesco Quaini e di Domenico Santi detto il Mengazzino, dai quali ereditò la lezione di Mitelli, di cui fu uno dei maggiori interpreti e continuatori. Nel 1681 ebbe inizio il lungo sodalizio col figurista Giovanni Antonio Burrini. Dal 1708 collabora con Donato Creti in palazzo Pepoli Campogrande realizzando l'intelaiatura prospettica per l'Alessandro che taglia il nodo gordiano, una delle sue migliori di pittore di architetture illusive. Sempre per la famiglia Pepoli nel 1701 aveva dipinto, in Palazzo Vecchio, una piccola galleria. Non secondaria nel suo percorso artistico si deve considerare l'attività di scenografo e una copiosissima produzione di tele di prospettiva, oggi purtroppo ancora disperse. Appassionato di problemi di idraulica si dedicò alla compilazione del libro sul fonte pubblico di Bologna, Piante con suoi alzati,profili,e notizie delle origini dell'acque che servono al pubblico fonte della piazza Maggiore della città di Bologna, uscito postumo nel 1763. Il libro conteneva sei tavole: Tav. 1 Alzata della Fonte del Nettuno posta nella Piazza Maggiore di Bologna; Tav. 2 Fonte posto nel muro del Pubblico Palazzo; Tav. 3 Origine dell'Acque di Valverde, e sue Conserve vicino S. Onofrio; Tav. 4 Pianta con suo alzato della Pubblica Fonte di Nettuno; Tav. 5 Piccole Fonti situate ne' quattro angoli della Ferrata; Piccola Fonte; Tav. 6 Veduta del Monastero; Conserve et origine dell'Acque sotto l'Orto situato nel monte di S. Michele in Bosco In questo esemplare del libro di Chiarini si conta una tavola più, quella con la PIANTA DELLA FONTANA DELLA PIAZZA MAGGIORE...che costituisce uno stato ante litteram poichè è presente un cartiglio privo di iscrizione a destra. E' probabile che si sia deciso di eliminare questa tavola dagli esemplari successivi.
Iconografia
BibliografiaF. Ceccarelli, E. Feretti; Il Nettuno architetto delle acque . Bologna L'acqua per la città tra Medioevo e Rinascimento, Bologna 2018, p.160-164
Mostre
NotaQuesta incisione e quella precedente (Inv.34715) schedate con due numeri di inventario sono tuttavia parte si un unico foglio diviso in due al centro.