BRI / FOT. 250 - Bologna, Chiostro ottagonale di San Michele in Bosco

Immagine opera
N. inv.BRI / FOT. 250
Titolo proprioBologna, Chiostro ottagonale di San Michele in Bosco
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Antonio Brighetti
Serie
Oggetto Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
Soggetto Bologna, Chiostro ottagonale di San Michele in Bosco
Autore Poppi Pietro (Cento, 1833 - Bologna, 1914)
Stampatore/Editore
Cronologia
Luogo della ripresa Bologna
Data della ripresa 1883-1888
Materia e Tecnica
Misure (in cm; hxb) 20x26
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore b/n
Luogo e anno di edizione
Timbro di spedizione (luogo e data)
Iscrizioni Sulla fascetta nella partedestra del recto si legge: "3417 - Bologna - Cortile in S. Michele in Bosco - Istituto Rizzoli". Sul verso il prof. Brighetti ha scritto: "S. Michele in Bosco".
Iconografia
Bibliografia(1) Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; (2) Cinzia Frisoni, a cura di, "Pietro Poppi e la Fotografia dell'Emilia", Bologna, Bononia University Press, 2015.
Mostre
NotaLa decorazione del chiostro ottagonale di San Michele in Bosco vide coinvolto Ludovico Carracci oltre a numerosi artisti appartenenti all'Accademia degli Incamminati. Il ciclo pittorico illustrava i Fatti della vita di San Benedetto e dei protomartiri Cecilia, Tiburzio e Valeriano in trentasette scene intervallate da figure di telamoni a monocromo . L'uso della tecnica ad olio su muro si rivelò da subito estremamente dannosa per la conservazione e l'integrità dell'opera. A tutt'oggi restano infatti solamente alcuni frammenti dei dipinti. Poppi eseguì tre riprese del chiostro, nel quale erano ancora riconoscibili le pitture anche se già fortemente compromesse.