BRI 02617; BRI 02618 - Bologna, Chiesa di San Bartolomeo di Reno e Madonna della Pioggia

Immagine opera
N. inv.BRI 02617; BRI 02618
Titolo proprioBologna, Chiesa di San Bartolomeo di Reno e Madonna della Pioggia
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Antonio Brighetti
Serie
Oggetto Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto cartolina postale
Soggetto Bologna, Chiesa di San Bartolomeo di Reno e Madonna della Pioggia
Autore
Stampatore/Editore Mengoli Giovanni, Bologna
Cronologia primo decennio sec. XX°
Luogo della ripresa Bologna
Data della ripresa primo decennio sec. XX°
Materia e Tecnica
Misure (in cm; hxb) 14x9
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore b/n viraggio seppia
Luogo e anno di edizione Bologna, primo decennio sec XX°
Timbro di spedizione (luogo e data)
Iscrizioni Sul recto: in alto a sinistra: "Bologna"; in basso al centro "Chiesa della Madonna di Galliera detta della Pioggia e via Riva Reno"; nell'angolo inferiore di sinistra è leggibile il nome dell'editore seguito dal n. 879.
Iconografia
BibliografiaAntonio Brighetti- Franco Monteverde, "Bologna nelle sue cartoline" vol. II, Cuneo, L'Arciere, 1986, pag. 132;(2) "La città della carità. Guida alle istituzioni assistenziali di Bologna dal XII al XX secolo", Bologna, Costa editore, 1999, pag. 57; (3)Tiziano Costa, "Canali perduti. Quando Bologna viveva sull'acqua", Bologna, Costa editore, 2013, pag. 51
Mostre
NotaL'oratorio di San Bartolomeo (1204) e la sottostante chiesa ebbero una forte vocazione assistenziale che portarono avanti per oltre quattro secoli. Vi erano infatti ospitati pellegrini diretti a Roma e "poveri preti". Nel XVI° secolo, vi venne creato un orfanotrofio per bambini che avevano perso i genitori a causa della peste e delle carestie. Nel 1367, durante alcuni lavori di scavo del canale che doveva fornire acqua al tratto delle Moline, fu rinvenuta un'immagine della Vergine, sulla quale fiorirono alcune "leggende". Le circostanze miracolose del ritrovamento portarono il popolo a voler collocare l'immagine all'interno della chiesa ed ogni anno venne poi portata in processione. Non si sa quando venne collegata alla richiesta di pioggia durante i periodi di siccità, ma a metà del Cinquecento, ebbe inizio la tradizione di una grande processione che faceva il giro delle Quattro Croci ed era seguitissima dai Bolognesi. Nel 1561 Bologna venne colpita da una terribile siccità e il Reggimento autorizzò la processione per ottenere l'interecessione della Vergine conservata in questo tempio . Le preghiere del popolo vennero esaudite. Da allora l'immagine venne considerata ancor più miracolosa. Ecco così spiegata l' origine della doppia denominazione dell'edificio: Chiesa della Madonna della Pioggia o di San Bartolomeo di Reno. La chiesa deve il suo aspetto attuale all'ultimo rifacimento settecentesco, su progetto attribuito all'architetto Alfonso Torreggiani (1682 - 1764), che intervenne sulla struttura cinquecentesca ridisegnando l'assetto decorativo ma lasciandone pressoché inalterate le forme strutturali. La facciata riprende un modello cinquecentesco assai diffuso a Bologna: la chiesa è preceduta da un portico particolarmente alto, con tre arcate a tutto sesto sorrette da semplici colonne. La parte superiore, scandita da tre finestre, era destinata ad oratorio della Compagnia dei Mercanti. La facciata presentava una decorazione pittorica a finte architetture, realizzata nel 1757 ed oggi purtroppo quasi completamente scomparsa. Al centro, un grande orologio scandiva le ore, collegato ad una piccola campana posta sul tetto. All'interno conserva, tra gli altri, dipinti di Agostino Carracci, Ercole Graziani ed ornati di G. Fiorini.