BRI 02394; BRI 02395 - Bologna, Via Santo Stefano

Immagine opera
N. inv.BRI 02394; BRI 02395
Titolo proprioBologna, Via Santo Stefano
Titolo attribuito

Notizie storico artistiche

Fondo Antonio Brighetti
Serie
Oggetto Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto cartolina postale
Soggetto Bologna, Via Santo Stefano
Autore
Stampatore/Editore Beretta e Giacomoni, Bologna
Cronologia
Luogo della ripresa Bologna
Data della ripresa
Materia e Tecnica
Misure (in cm; hxb) 9x14
Misure negativo (in cm; hxb)
Indicazione di colore b/n
Luogo e anno di edizione Bologna, terzo decennio sec. XX°
Timbro di spedizione (luogo e data) Bologna, 1927 (esemplare n. inv. BRI 02394)
Iscrizioni Sul recto, in alto al centro, è scritto: "Bologna / Via S. Stefano". Il nome dell'editore è leggibile sul verso, in basso a sinistra, preceduto dal n. 85201. L'esemplare n. inv. BRI 02394 è viaggiato da Bologna verso Casalecchio di Reno. Il timbro postale risale al 1927. Il testo del mittente è scritto in lingua francese.
Iconografia
Bibliografia
Mostre
NotaLa cartolina riprende la congiunzione tra il primo tratto di via Santo Stefano e la parte finale di via Farini. L'edificio a destra è Palazzo Bonora (la facciata fu rifatta nel 1912 su progetto dell'architetto Edoardo Collamarini); mentre la costruzione a sinistra è la cosiddetta palazzina in Santa Tecla realizzata da Coriolano Monti negli anni 1863-1866. Tutta quella zona fu ricostruita dopo l'Unità d'Italia abbattendo le antiche vie Borgo Salamo, dei Libri e Miola. Il riferimento a Santa Tecla si deve al fatto che proprio in quel luogo sorgeva un'antica chiesa attigua al complesso gerosolimitano di Santo Stefano, legata al culto della santa cui era intitolata. La chiesa fu soppressa nel 1566 dal cardinale Paleotti e venne demolita nel 1798.